Corpo Bandistico S.Martino Vescovo Sergnano 1920 anno di fondazione

 

 


La nostra Storia

Era la primavera del 1920, a un nostro compaesano, il Prof. Giovanni Piacentini diplomato in organo presso il Conservatorio di Parma, venne l’idea di radunare alcuni  giovani musicanti di ritorno dalla guerra dove avevano suonato nelle fanfare  militari ,dando vita alla prima Banda Musicale di SergnanoInizialmente era composta da una ventina di elementi che divennero ben 35 nell’arco di un anno. Quasi tutti gli strumenti vennero acquistati usati, ad eccezione di pochi che furono comperati nuovi da alcuni musicanti con maggiori possibilità finanziarie. Alla fine del 1921 subentrò alla guida della Banda il Maestro Gino Raimondi, virtuoso suonatore di pistoncino (Mib) e già Vice-maestro della Banda di Caravaggio. Egli  in pochi mesi riuscì a preparare il nuovo sodalizio musicale alle prime esibizioni in pubblico e fece imparare ai musicanti anche a tenere il giusto passo nelle esecuzioni delle marce, facendo pratica lungo la strada Vallarsa, a quei tempi molto isolata dal resto del paese. La prima sede del Corpo Bandistico fu il vecchio Municipio in via Eugenio Conti (ora proprietà Regonesi).

Al fine di raccogliere fondi per supplire alle diverse spese, fu adottato un sistema alquanto curioso: ogni musicante per ogni lezione doveva pagare una certa somma di denaro che raddoppiava nel caso in cui si faceva una assenza non giustificata. (Comunque il pagamento delle lezioni da parte dei musicanti rimase in vigore fino alla fine degli anni ‘50).
I mezzi di trasporto di allora erano biciclette e carri trainati da cavalli , ma questo non disarmava i musicanti che spesso dovevano sostenere trasferte che duravano tutto il giorno e prestando servizi musicali anche in due o tre paesi diversi.
Durante il periodo fascista il regime  obbligò i musicanti ad indossare divise di foggia militare e alla Banda fu dato il nome di “Fanfara della 18° Legione Ballabio” della milizia di Crema.

 

Nella commissione coordinatrice della “Fanfara” vennero incluse due persone appartenenti al partito fascista che, per dare una veste più consona alle esigenze del tempo oltre all’acquisto di nuove divise, sostituirono tutti gli strumenti comprandone di nuovi, con il conseguente forte passivo sul bilancio che per la prima volta veniva a pesare sull’intero gruppo musicale.
Comunque questo fatto portò ad un miglioramento tecnico- artistico della Banda che conobbe intorno al 1930 un periodo di grandissima notorietà, eseguendo servizi in molte città italiane fra cui oltre Crema, Cremona, Ballabio sul Lago di Como e Riva di Trento.
Nel 1930 a Crema il Corpo Musicale di Sergnano vinse il 1° Concorso Provinciale per Bande e fu consegnato un attestato di benemerenza da parte della Associazione Mutilati ed Invalidi del Lavoro di Crema ed una medaglia d’oro che poco tempo dopo fu requisita per essere “offerta” alla Patria. Negli anni seguenti, per fortuna, la nostra Banda Musicale riuscì, come tante altre a togliere quella matrice paramilitare imposta dal regime, ritornando lentamente ad una attività più civico-culturale.
Ne conseguì un periodo di proficua attività musicale interrotto dallo scoppio della Seconda Guerra Mondiale. La Banda Musicale si sciolse per la chiamata alle armi della maggior parte dei suoi componenti. Quelli che restarono a casa s’impegnarono a conservare il patrimonio bandistico: divise, strumenti, partiture musicali ecc., fino a quando si fosse presentata una nuova opportunità per ricostruire il sodalizio. Alcuni musicanti, prima ancora che finisse la guerra, non trovando giusto accantonare in modo drastico un così prezioso patrimonio culturale ed artistico, sia pure in sordina e sotto la guida del maestro Raimondi decisero di ricostruire un primo nucleo attorno al quale si sarebbero aggregati i musicanti che ritornavano dalla guerra. Finalmente la guerra finì, alcuni musicanti purtroppo rimasero caduti sui diversi fronti e nel maggio del 1945 fu ricostruita ufficialmente la Banda Musicale.
Nel 1948 muore il maestro Raimondi.

Gli succede alla direzione il Maestro Amilcare Bosi di Caravaggio, clarinettista, che portò il sodalizio musicale ad un notevole livello artistico inserendo anche un gruppo cospicuo di nuovi e giovani allievi. Nel 1950 il maestro Bosi abbandona la direzione per motivi di salute.Vi furono solo delle brevi supplenze da parte del Prof. Costi, Prof. Manenti e Prof. Gallini. In poche parole negli anni ‘50 e oltre, la Banda Musicale subì una forte crisi che la portarono verso un progressivo e graduale impoverimento di quei meriti e valori acquisiti negli anni precedenti.
I servizi erano limitatissimi: si partecipava a due o tre feste religiose e (d’obbligo) alle manifestazioni del 4 Novembre.

Finalmente nel 1962 questo “torpore musicale” svanì, in parte grazie all’inizio di un periodo di benessere sociale-economico e pieno di ottimismo, in parte grazie all’acquisizione di un nuovo direttore musicale: il Prof. Carlo Bragonzi di Crema, flautista.
Nel 1965 il Prof. Bragonzi organizza il primo corso di orientamento musicale, sovvenzionato dalla Provincia, aperto anche a nuovi e giovani allievi. E’ il periodo della rinascita.
Nel 1968  subentra alla direzione il Maestro Cav.
Guido Aber di Dalmine, già noto autore di diverse composizioni per banda, che guiderà il Corpo Musicale fino al 1981 e con la sua bravura e la notevole preparazione musicale ha portato il Corpo Bandistico ad eseguire brani di intensa difficoltà che fino ad allora non facevano parte del repertorio, elevandone il prestigio.
Nel 1973 il Corpo Musicale di Sergnano, primo fra tutti nel circondano, vanta la presenza di 5 ragazze che suonano il tamburello che più tardi, nel 1976 diventeranno effettive nel sodalizio suonando strumenti musicali (innovazione che si protrarrà fino ai nostri giorni).Quando il Maestro Aber lasciò la direzione del sodalizio subentrò l’allora ventenne Prof. Angelo
Bolciaghi di Sergnano, già clarinetto nella stessa Banda che, nonostante la giovane età, dette con valenza e capacità una impronta di modernità alle esecuzioni musicali.
Il Prof. Bolciaghi rimase come direttore fino al 1985 interrompendo questa sua nuova esperienza per motivi di studio e professionali.
Seguì una breve supplenza del Prof. Pagliari di Offanengo.
In questo periodo (1985) da parte del Comune di Sergnano viene concesso alla Banda Musicale di occupare (perpetuamente) quale sede sociale, il rustico sito all’interno del parco Tarenzi (la Ca Rossa ).
Dopo breve tempo si rese disponibile quale direttore musicale un valido e giovane professore di trombone:
Pierluigi Salvi, già autore ed arrangiatore di brani musicali tipici delle bands-orchestra.
Sotto la sua guida anche se breve (1985/86) si perfezionò la tecnica musicale tenendo dei corsi specifici per categorie di strumenti: ottoni, legni ecc. Dopo di che si ebbe un periodo (circa 3 anni) di stasi caratterizzato da un susseguirsi di supplenze, disimpegni e malintesi che sfuocarono un po’ l’acquisita notorietà, con una conseguente perdita di entusiasmo e capacità da parte dei musicanti.
Tutto si risolve all’inizio del 1990 con l’acquisizione del nuovo direttore: il Maestro Mario Spini di Paullo. Finalmente la passione, la capacità professionale e la lunga esperienza personale del Maestro Spini, risvegliano nei musicanti le già acquisite matrici musicali portandoli ad una disinvoltura e padronanza dello strumento caratterizzata da una precisione e potenza di suono ed un deciso controllo emotivo.

Il Maestro Mario Spini lascia la bacchetta di direttore a fine anno 2000 ed il compito di proiettare la Banda nel nuovo millennio è affidato  al giovane direttore STEFANO ROSSI clarinettista di Ombriano che dirige il suo primo concerto il 24 giugno 2001 coinvolgendo ed entusiasmando tutto il pubblico presente.
Il suo stile di direzione è improntato principalmente sulla esecuzione di musica moderna  sia italiana che internazionale accompagnata a volte anche dal canto e dalla scenografia che coinvolge tutti i componenti della Banda , ma  non  tralascia comunque la musica classica.

Dal 2006 il Corpo Bandistico “S. Martino Vescovo” di Sergnano e il Corpo Bandistico “S. Cecilia“ di Trescore Cremasco, già accomunate dallo stesso direttore M.° Stefano Rossi, hanno deciso di realizzare un’unione artistico-musicale finalizzata a sviluppare l’attività concertistica. L’unione stabile dei due organici per prove e concerti ha permesso di affrontare un repertorio tecnicamente più impegnativo e più variegato, spaziando tra trascrizioni di musica classica, brani di musica leggera, originali per banda e colonne sonore di film e musical.

 

 

 

        

L'immagine può contenere: 1 persona

Dal 2014 al 2018 è stato direttore del Corpo Bandistico San Martino Vescovo il maestro Emanuele Cristiani.

Dal 2018 è diventato direttore del Corpo Bandistico San Martino Vescovo il maestro Giuseppe Bonandrini

 

Studia presso la Scuola Civica Musicale di Milano sotto la guida del M° G. Juliano e si diploma presso l’istituto musicale pareggiato G. Donizetti di Bergamo. Si perfeziona in musica da camera con il M° O. Danzi (1° fagotto del Teatro alla Scala) e il M° J. Falout (1° corno dell’Orchestra del teatro di Lubiana) mentre per l’approfondimento dello strumento con il M° P. Budini (1° clarinetto del Teatro alla Scala) diventando successivamente allievo del M° T. Friedli (clarinetto solista dell’Orchestra da camera di Losanna).
 

Tra le varie orchestre ha collaborato e collabora in qualità di clarinettista freelance con: Orchestra Stabile di Bergamo, Orchestra dei Pomeriggi di Milano, Orchestra Sinfonica della RAI di Milano, Teatro alla Scala, Orchestra Teatro Comunale di Treviso, Orchestra G. Cantelli di Milano, Orchestra da camera di Catania, Orchestra dell’Arena di Verona, I Musici di Parma, Orchestra Regionale del Friuli, Orchestra Donizetti Bergamo Festival.

 

 

 

 

L'immagine può contenere: 8 persone, persone sul palco e spazio al chiuso


- Giuseppe Piacentini -

Vogliamo ricordare in questa pagina un musicante e amico:
Giuseppe Piacentini.
Un uomo semplice ma grande che era diventato il simbolo stesso della Banda.
Factotum, istruttore, organizzatore, trascinatore nonché segretario del sodalizio musicale, grazie alla generosità e disponibilità ha garantito alla Banda Musicale un continuo stato ottimale.
Anche in occasione delle manifestazione del 75° anniversario Giuseppe aveva ormai predisposto tutta la organizzazione e contrattato tutti i partecipanti; la sua gioia e il suo entusiasmo carismatico che aveva la magia di coinvolgere tutti, sono stati interrotti dal destino avverso il 18/2/1995 in un incidente stradale all’età di 48 anni.
Militava nella Banda da quasi 33 anni come suonatore di basso.

Vogliamo ricordare un altro musicante anche lui suonatore di basso, morto 10 anni fa in un incidente stradale e che portava lo stesso nome: Giuseppe Mascheroni.
Un ragazzo generoso, sempre presente alle lezioni ed ai servizi e con tanta voglia di suonare.
A questi nostri due cari amici è stata dedicata la sede del sodalizio musicale.
La loro memoria ci è di monito e di stimolo per gli anni a venire. 

Infine ricordiamo le recenti scomparse di Felice Dossena, grande sostenitore e socio del nostro corpo bandistico, e Agostino Lameri ,appassionato suonatore di euphonium.

 

-Felice Dossena-


- Giuseppe Mascheroni -

 

 

-Agostino Lameri-